Approfondimenti

Il no all’opzione vegana, una prepotenza

Pubblica la lettera scritta da Mariangela Corrieri, ex responsabile Lav a Firenze, ai consiglieri comunali dopo la bocciatura della proposta di introdurre un’opzione vegana nelle mense pubbliche.
——————
Gentili signori
abbiamo preso nota della bocciatura in Consiglio comunale dell’opzione vegana nelle mense scolastiche e della promozione di tale scelta alimentare anche presso le mense non scolastiche presenti sul territorio. Proposte avanzate dal consigliere Tommaso Grassi.
Vengono tutelate le scelte alimentari di ebrei e musulmani ammettendo la pratica cruenta della macellazione rituale senza stordimento e non viene ammessa l’alimentazione incruenta e morale di chi fa una scelta vegana.
obesiNaturalmente consideriamo tale bocciatura come una chiusura mentale, una prepotenza, quella  mancanza di considerazione verso le scelte personali altrui che perfino l‘art. 2 della Costituzione tutela in quanto rispetto dei convincimenti dei singoli e base del rispetto della persona umana e della sua dignità.
Le istituzioni non dovrebbero quindi imporre la loro visione (spesso dogmatica e insipiente) ma offrire ai cittadini un ventaglio di scelte dalle quali costoro potranno attingere secondo il proprio convincimento e le proprie esigenze di salute e coscienza morale.
Nessuno di noi può essere strumento del volere di altri e nessuno può imporre ad altri come alimentarsi.
Noi ce lo saremmo augurato e non soltanto per gli animali che si salverebbero dalle inaudite sofferenze a cui vengono sottoposti, ma anche per l’ambiente (acqua, foreste, clima) la cui devastazione produce quel cambiamento climatico certificato dal rapporto FAO del 2006 Livestocck’s long shadow, aggiornato recentemente, il quale espone con chiarezza come gli allevamenti intensivi di animali rappresentino una delle principali cause di immissione nell’atmosfera (51% del totale) di gas serra – anidride carbonica (CO2), metano (CH4), ossido di azoto (NO2) e clorofluorocarburi (CFC).  Vedi http://lav.nethouse.it/uploads/38/17617_DOSSIER_CAMBIAMENTI_CLIMATICI_def.pdf
Il ciclo di produzione della carne infatti è un sistema inefficiente che trasforma una moltitudine di alimenti a base vegetale in una quantità estremamente  limitataIl di alimenti di origine animale incidendo  non soltanto sull’ambiente ma anche sulla fame nel mondo e sulla nostra salute (diabete, cancro, obesità, malattie cardiovascolari). 
Ma possiamo arrestare il processo?  Sì, possiamo. Agevolando le scelte vegane e cominciando ad alimentarci senza prodotti animali almeno un giorno a settimana secondo l’esempio di città come San Francisco, Gand e tante altre nel mondo.

Inviamo un ringraziamento per la loro sensibilità, la libertà di coscienza e il rispetto della Costituzione a tutti quei consiglieri che hanno votato a favore della scelta vegana e invitiamo tutti a una riflessione.

 

Mariangela Corrieri – ex Responsabile LAV Firenze e amici

Informazioni su Restiamo Animali

Trasmissione su Controradio, in onda dal 4 marzo 2012

Discussione

2 pensieri su “Il no all’opzione vegana, una prepotenza

  1. Il Comune è competente in materia di mense per le scuole materne ed elementari. Gli utenti hanno un’età tale da non poter decidere per sé e non sarebbe giusto che decidano per loro i genitori. Se nessuna opzione motivata dal posizionamento religioso/filosofico dei genitori fosse ammessa, non dovrebbe esserlo neppure quella halal. Il ragionamento sembra logico, ma è invece semplicistico e cristiano/agnosticocentrico, poiché parte dall’assunto che l’identità religiosa sia una scelta: non è sempre così, tutti i figli di donne ebree, per esempio, sono ebrei anche se non credenti, dunque i relativi tabù alimentari valgono per loro sin da bambini. Per i vegani resta dunque una sola chance: sostenere che trattasi di una questione religiosa, e dichiarare i propri figli giainisti, bahá’í, teosofici …

    Pubblicato da Quartilla | 30 dicembre 2013, 00:41
    • Grazie per il commento. Naturalmente va considerato che i genitori scelgono sempre per i propri figli per i vari aspetti della loro esistenza. Scelgono per loro sia nel caso di un’alimentazione onnivora, sia nei casi di regimi alimentari vegetariani, vegani eccetera (incluse le regole religiose). Nel caso specifico, ci saranno bambini che avranno un’alimentazione vegetariana e vegana quotidiana in famiglia e che saranno costretti ad adottare escamotage alla mensa scolastica (pasta all’olio, contorni eccetera, a seconda di quel che consente il menu quotidiano: l’obiettivo della richiesta era proprio garantire a tutti un’alimentazione scolastica varia ed equilibrata).

      Pubblicato da Restiamo Animali | 30 dicembre 2013, 09:04

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: