Approfondimenti, Il pasto gentile

23/12/12 – Il pasto gentile: chiacchierata con Simone Salvini

Per la rubrica “IL PASTO GENTILE” di oggi
 vi proponiamo una chiacchierata con il nostro chef di riferimento: Simone Salvini

Simone è un giovane talento della cucina naturale e cruelty free 
formatosi in vari paesi del mondo e diventato famoso 
lavorando al rinomatissimo ristorante Joya di Milano.

A Simone abbiamo chiesto quali sono le sue riflessioni e le sue scelte
 rispetto alla proposta ormai logora della ennesima tradizionale carneficina
 che si consumerà sulle tavole del mondo occidentale

Photo 03-09-12 20 05 08Salvini  spiega che l’alta cucina vegetariana e vegan 
non può e non deve essere una “brutta copia” della cucina tradizionale 
con il rischio concreto di deludere le aspettative, se queste consistono
 nella ricerca degli stessi, già consolidatissimi sapori, che hanno alle spalle 
centinaia di anni di tradizione

Per lui la cucina vegetariana e vegan sono cucine che vivono di vita propria 
con obiettivi propri. La cosa importante non sono tanto le ricette quanto 
l’attitudine, lo spirito di chi cucina, l’amore che ci mette, 
gli ingredienti che seleziona, che dovranno essere di stagione, sani e biologici. 
E’ molto importante che in cucina regni la semplicità.

 Invece di copiare la ricetta del panettone – operazione perdente in partenza -
 magari utilizzando la margarina al posto del burro, o l’olio di oliva 
al posto dell’uovo, Simone suggerisce di fare dei pani all’uvetta, alla frutta secca 
facendoli lievitare più soffici nel cestello della pentola a vapore.

Salvini, per queste feste, propone come dessert dei bicchierini monodose
 di latti vegetali (di mandorle, di nocciole, di cocco) con vaniglia e cioccolata, 
legati con la maizena. Saranno creazioni dolci, cremose, servite tiepide, 
magari con un biscotto alle nocciole e spezie orientali
Questo tipo di dessert può essere gustato anche dalle persone affette da celiachia

Le parole d’ordine di quest’anno per i menu delle feste secondo Salvini sono 
semplicità, cucina appagante, gusto goloso e rassicurante, nel senso di “intenso”
Non possiamo prescindere dalla crisi che stiamo attraversando – ci dice – 
e tuttavia il godimento dovrà essere al centro della questione, 
un godimento della coscienza, del gusto, del corpo e dello spirito.

Per secoli e secoli l’uomo è stato vegano per necessità socio-economiche. Noi proponiamo il ritorno a questa tradizione, per una necessità etica
 ma useremo l’innovazione e il progresso, per ripresentare la tradizione
declinata in modo moderno e gioioso, riscoprendo un pieno piacere del palato.

Simone sta preparando l’uscita del suo secondo libro per Mondadori
 che, questa volta, sarà un libro esclusivamente dedicato alla pasticceria vegan.

Annunci

Informazioni su Restiamo Animali

Trasmissione su Controradio, in onda dal 4 marzo 2012

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: