Approfondimenti

25/11/12 – Le (poche) idee di chi propone un “Premio Hitler” per gli animalisti

 

Federfauna ha deciso di isituire un premio intitolato ad Adolf Hitler da attribuire a personalità di spicco dell’animalismo. E’ la notizia diffusa dalle agenzie di stampa qualche giorno fa, con un misto di scandalo e di strizzatina d’occhio.

L’accostamento di chi difende gli animali a chi ha portato alle più estreme conseguenze le dottrine razziste e superomiste – con lo sterminio di milioni di ebrei, rom e oppositori politici, per non parlare dell’ecatombe dlela seconda guerra mondiale – a dire il vero non è una novità, ma l’idea di intitolare addirittura un premio al fuhrer del nazismo non era ancora venuta a nessuno e tanto basta a guadagnarsi un lancio di agenzie e un po’ di da parte di qualche giornale o di qualche sito Internet.

 

A niente di più del resto poteva ambire Federfauna e per rendersene conto basta leggere in che modo è stata presentata l’iniziativa e compiere una rapida verifica su questa organizzazione. Adolf Hitler, dice Federafauna, era vegetariano, promosse leggi di tutela degli animali ma sappiamo che cosa fece agli uomini, quindi l’accostamento fra nazismo e animalismo sarebbe un modo per – citiamo da un comunicato – “creare cultura attorno al settore degli animalisti” e avviare “uno scambio di idee”.

 

Se pensiamo che Federfauna ha come presidente onorario Moira Orfei ed è una piccola organizzazione che passa di provocazione in provocazione per difendere chi alleva e sopprime animali su scala industriale, chi li uccide per divertimento e chi li usa negli spettacoli, verrebbe da dire: taciamo e passiamo oltre.

 

E invece ne stiamo parlando perché l’iniziativa di Federfauna è una buona notizia: mostra con la sua modestia morale e politica quanto sia in difficoltà, sul piano culturale e della comunicazione, chi tenta di contrastare la diffusione della prospettiva animalista nella società.

La caccia e i circhi, in particolare, paiono ai più retaggi crudeli del passato, privi d’ogni ragion d’essere di fronte a una sensibilità ambientalista e animalista che finalmente comincia a farsi largo.

La strada verso la liberazione animale è ancora lunga ma il patetico accostamento a Hitler dimostra quanto la storia nobile e anticipatrice del vegetarismo e dell’animalismo, che affonda le sue radici nell’antichità, faccia soffrire gli attuali paladini di pratiche violente e crudeli superate dalla storia.

 

 

Annunci

Informazioni su Restiamo Animali

Trasmissione su Controradio, in onda dal 4 marzo 2012

Discussione

Un pensiero su “25/11/12 – Le (poche) idee di chi propone un “Premio Hitler” per gli animalisti

  1. Reblogged this on BarneyPanofsky and commented:
    Mi pare giusto diffondere anche la visione degli animatori del blog “Restiamo Animali”, che poi sono i radioconduttori dell’omonima trasmissione in onda tutte le domeniche dalle 12 alle 12,30 su Controradio (circuito RadioPopolare). Che poi tra i conduttori ci sia il fratello di Mrs. Panofsky, e’ un caso 🙂

    Barney

    Pubblicato da Barney Panofsky | 25 novembre 2012, 20:25

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: